• Assistenza tecnica

    Assistenza tecnica telefonica

    I nostri tecnici qualificati possono aiutarti a scegliere il tipo giusto di illuminazione a led, darti informazioni tecniche, risolvere eventuali perplessità. Dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 20.00, puoi chiamare Meschinelli Nicola al numero 340.236.8386, o spedire una mail, che sarà lieto di aiutarti.

  • Tipi di attacchi lampadine

    Tipi di attacchi lampadine

    Sul mercato troviamo tanti tipi di attacchi per la lampadina, che sia essa a LED o la comune lampadina ad incandescenza... vediamo di fare un po di chiarezza

    Leggi tutto »

  • Light Emitting Diode

    LED - che cos'è

    In elettronica un diodo ad emissione luminosa o LED (acronimo inglese di light emitting diode) è un dispositivo optoelettronico che sfrutta le proprietà ottiche di alcuni materiali semiconduttori per produrre fotoni attraverso il fenomeno dell'emissione spontanea ovvero a partire dalla ricombinazione di coppie elettrone-lacuna. Il primo LED è stato sviluppato nel 1962 da Nick Holonyak Jr.

    Leggi tutto »

  • IP65

    Comparativa tipi luce

    Vediamo di chiarire pro e contro fra la tecnologia a LED, quella a INCANDESCENZA e quella a RISPARMIO ENERGETICO, in modo da avere un quadro completo della situazione che oggi è presente sul mercato.



    Leggi tutto »

  • Indice di Resa Cromatica

    Indice di resa cromatica

    L'indice di resa cromatica (IRC), oppure in inglese Color Rendering Index (CRI), di una sorgente luminosa è una misura di quanto naturali appaiano i colori degli oggetti da essa illuminati.



    Leggi tutto »

  • IP65

    Classe di Protezione IP

    L'International Protection (o classe di protezione IP, a volte interpretato come Ingress Protection) nell'ingegneria elettrica è un codice che riassume il livello di protezione di un'apparecchiatura elettrica contro il contatto accidentale o intenzionale con il corpo umano o con oggetti, e la protezione contro il contatto con l'acqua. Il codice è applicabile a sistemi con tensione nominale non superiore a 72,5 kV

    Leggi tutto »

Tipi di attacchi lampadine

attacco e14 ATTACCO E14 220 VOLTS PBP001406 PBP001407
attacco e27 ATTACCO E27 220 VOLTS PBP001408 PBP001409 PBP001411 PBP001412 PBP001418 PBP001419 PBP001437 PBP001451 PBP001464
attacco GU10 ATTACCO GU10 220 VOLTS PBP001339 PBP001388 PBP001389 PBP001397 PBP001400 PBP001401 PBP001433 PBP001434
attacco GU5.3 ATTACCO GU 5.3 12 VOLTS PBP001340 PBP001385 PBP001386 PBP001431 PBP001432 PBP001391 PBP001392 PBP001394 PBP001395
attacco MR11 ATTACCO MR11 12 VOLTS PBP001393
attacco G4 ATTACCO G4 12 VOLTS PBP001442 PBP001443 PBP001444
attacco AR111 ATTACCO AR111 (G53) 220 VOLTS PBP001451
attacco G24 2pin e 4pin ATTACCO G24 220 VOLTS PBP001454 PBP001455 PBP001456

×

Cosa è il L.E.D.

I LED sono un particolare tipo di diodi a giunzione p-n, formati da un sottile strato di materiale semiconduttore.
Gli elettroni e le lacune vengono iniettati in una zona di ricombinazione attraverso due regioni del diodo ricoperto con impurità di tipo diverso, e cioè di tipo n per gli elettroni e p per le lacune.

Il colore o frequenza della radiazione emessa è definito dalla distanza in energia tra i livelli energetici di elettroni e lacune e corrisponde tipicamente al valore della banda proibita del semiconduttore in questione. L'esatta scelta dei semiconduttori determina dunque la lunghezza d'onda dell'emissione di picco dei fotoni, l'efficienza nella conversione elettro-ottica e quindi l'intensità luminosa in uscita. I LED possono essere formati da GaAs (arseniuro di gallio), GaP (fosfuro di gallio), GaAsP (fosfuro arseniuro di gallio), SiC (carburo di silicio) e GaInN (nitruro di gallio e indio).
Anche se non è molto noto i LED se colpiti da radiazione luminosa nello spettro visibile, infrarosso o ultravioletto (dipendentemente dal LED utilizzato come ricevitore) producono elettricità esattamente come un modulo fotovoltaico. I LED di colore blu e infrarosso producono tensioni considerevoli. Questa particolarità rende possibile l'applicazione dei LED per sistemi di ricezione di impulsi luminosi. Intorno a questa proprietà sono stati sviluppati molti prodotti industriali come sensori di distanza, sensori di colore, sensori tattili e ricetrasmettitori.
Nel campo dell'elettronica di consumo il sistema di comunicazione irDA è un buon esempio proprio perché sfrutta appieno questa particolarità.

A seconda del materiale utilizzato, i LED producono i seguenti colori:

×

Comparativa LED-INCANDESCENZA-RISPARMIO

CARATTERISTICA
  L.E.D INCANDESCENZA FLUORESCENZA
Vita Media 50.000 ore 1.200 ore 8.000 ore
Watt 6-8 Watts 60 Watts 13-15 Watts
Consumi medi annui 329 KWh/anno 3.285 KWh/anno 767 KWh/anno
Contiene Mercurio NO NO SI
ROHS COMPLIANT SI SI NO
ACCENSIONE ISTANTANEA SI SI NO

×

Indice di resa cromatica (CRI)

Il colore con cui ci appare un oggetto, che non emette luce propria, dipende sia dal suo modo di riflettere la luce (cioè da quali lunghezze d'onda riflette maggiormente), sia dalla luce che lo illumina (cioè dalla composizione spettrale di quest'ultima). Dunque, non ha senso parlare di colore reale di un oggetto in senso assoluto, senza specificare anche il tipo di sorgente luminosa. Tuttavia, appare ragionevole associare ad alcune particolari sorgenti luminose un ruolo privilegiato per ritenere naturali i colori con cui appaiono gli oggetti quando sono illuminati da esse: si deve trattare di sorgenti che abbiano uno spettro completo di tutte le lunghezze d'onda nel visibile, in modo che non vengano trascurate particolari lunghezze d'onda rispetto alle altre: per esempio, possiamo considerare la luce diurna oppure la radiazione emessa da un corpo nero ad una determinata temperatura (non inferiore a 1900 K), le quali soddisfano tale requisito.
Pertanto, per definire l'indice di resa cromatica, si prende come riferimento proprio la radiazione emessa da un corpo nero e, data una sorgente luminosa che abbia una certa temperatura di colore, tale indice misura la differenza tra come, in generale, appaiono cromaticamente gli oggetti quando sono illuminati da essa e come appaiono quando sono illuminati da un corpo nero alla stessa temperatura, il quale rappresenterà la sorgente campione: minore è tale differenza, migliore è la resa cromatica della sorgente e, quindi, maggiore è il valore dell'indice.

La norma UNI 10380 suddivide l'insieme dei possibili valori dell'indice di resa cromatica in cinque gruppi:

×

Classe di Protezione

La codifica, istituita dalla norma EN60529 recepita dalla norma del Comitato Elettrotecnico Italiano CEI70-1, è la seguente:

IPXXab

La PRIMA cifra indica la protezione contro l'accesso di corpi solidi e contatto con parti pericolose

Livello Definizione Effetti pratici
IP0X Nessuna protezione  
IP1X Protetto da solidi di dimensioni superiori a 50mm Protetto contro l'accesso con il dorso della mano
IP2X Protetto da solidi di dimensioni superiori a 12mm Protetto contro l'accesso con un dito
IP3X Protetto dai solidi di dimensioni superiori a 2.5mm Protetto contro l'accesso con un attrezzo
IP4X Protetto da solidi di dimensioni superiori a 1mm Protetto contro l'accesso con un filo
IP5X Protetto dalla polvere Protetto contro l'accesso di polvere o di un filo sottile
IP6X Totalmente protetto dala polvere Totalmente protetto dalla polvere

LA SECONDA cifra indica la protezione contro l'accesso di liquidi

Livello Resistenza
IPX0 Non protetto
IPX1 Protetto da caduta verticale di gocce d'acqua
IPX2 Protetto da caduta di gocce d'acqua con inclinazione massima 15 gradi
IPX3 Protetto dall pioggia
IPX4 Protetto da spruzzi
IPX5 Protetto da getti d'acqua
IPX6 Protetto da ondate
IPX7 Protetto da immersione temporanea
IPX8 Protetto da immersione continua
×